09 Ago 2016

Arrivederci a settembre [10]

È un appuntamento fisso quello del martedì, sono già tre mesi che ci ritroviamo qui a scrivere il diario delle nostre attività per informarvi e rendervi partecipi del nostro mondo. È giunto anche per noi il tempo delle vacanze. Una piccola pausa utile a ricaricare le batterie e a renderci più organizzati per i prossimi eventi in programma a partire da settembre.

Prima di lasciarvi per questa breve pausa estiva, vogliamo anticiparvi una delle attività che ci vedrà impegnate nel prossimo autunno: è in calendario la seconda edizione del Corso di Operatore all’Infanzia. Lo start è previsto per venerdì 21 ottobre; vi aspettiamo con la stessa formula: lezioni frontali, formula weekend (venerdì pomeriggio e i sabato mattina) fino al 17 dicembre 2016, data di fine corso. E a seguire come sempre uno stage di 80 ore in strutture per l’infanzia convenzionate.

Anche in questa edizione sarà possibile conseguire le certificazioni Haccp a cui si aggiunge la grande novità della certificazione per il primo soccorso pediatrico. Lo scopo del corso, lo ricordiamo, è quello di formare persone che hanno la volontà di lavorare con bambini sia in proprio, sia presso strutture esistenti. Nel corso della passata edizione, la classe è stata formata in maniera eterogenea da future imprenditrici, assistenti già impiegate senza titolo, baby sitter e future operatrici.

Anche la seconda edizione è strutturata in maniera tale che si possano acquisire competenze teoriche e tecniche sulla gestione dei bambini, ma anche sulla gestione di una struttura per l’infanzia. Inoltre, a termine del corso, su richiesta, sono previste delle consulenze destinate all’avvio di nuove attività mediante l’accesso a strumenti di finanziamento come i bandi NIDI e PIN attualmente attivi in Puglia.

A conferma che la direzione imboccata è quella giusta, stiamo seguendo con una attività di consulenza specifica due corsiste della prima edizione, che hanno intrapreso un percorso imprenditoriale e stanno facendo richiesta di finanziamento ai bandi attivi nel settore.

Ancora una volta vi stiamo offrendo la possibilità di diventare protagonisti delle vostre scelte professionali.

Avete a disposizione abbastanza tempo per pensarci ed iscrivervi al nuovo corso. Noi, a partire dal primo settembre, saremo a vostra completa disposizione per rispondere a dubbi e quesiti.

Con queste belle novità vi salutiamo per ritrovarci a settembre con il diario delle esperienze di stage delle nostre corsiste della prima edizione del corso per operatori all’infanzia e con tante altre novità che ci vedranno protagonisti nel settore della formazione e della consulenza.

Buone vacanze

15 Lug 2016

Tiriamo le somme [09]

Le partecipanti al corso per operatori all'infanzia
Le partecipanti al corso per operatori all’infanzia

L’arrivederci alla prossima edizione vogliamo darvelo così, lasciando alla voce delle corsiste i commenti e i pareri sul corso di operatore all’infanzia appena concluso.
Ciascuna delle nove donne ci ha portato esperienza, competenza, interesse e sogni da realizzare.
Grazie al corso oggi si trovano più ricche come donne, mamme, zie e operatrici all’infanzia e hanno deciso di regalare a noi preziosi pareri ed opinioni che ci permetteranno di confezionare una seconda edizione migliore della prima, più cospicua di contenuti pratici, più snella di teorie e più spendibile nel mercato del lavoro.


Corso per operatore all'infanziaEcco alcune testimonianze:

Annarita è arrivata da noi perché cercava un corso per approfondire le tematiche dell’infanzia. Durante il corso ha capito di poter essere in grado di avviare una struttura, idea che prima del corso l’aveva solo parzialmente sfiorata. Oggi dice che il corso l’ha spronata, l’ha motivata. Ha apprezzato molto il modulo sulla sicurezza alimentare; grazie al corso ha imparato a leggere le etichette e a selezionare i cibi a seconda degli ingredienti presenti.

Al contrario Giusy, studentessa, ha trovato lo stesso modulo relativo all’alimentazione pediatrica troppo tecnico. Pensa che per i non addetti ai lavori sia difficoltoso avere delle routine alimentari in linea con le norme HACCP. Pensa che affidarsi ad un esperto sia la soluzione più pratica, anche se questo non le permetterebbe di abbattere i costi. In generale del corso dice “consiglierei a tutti i genitori di seguire un corso come questo, servirebbe loro a capire meglio come rapportarsi ai figli e a capire gli stili di attaccamento e le evoluzioni positive e negative che possono avere nelle relazioni”.

Corso per operatore all'infanzia - MODULO VIISerena, ha scelto il corso di Psyche At Work tra i tanti perché dice che lo ha trovato più ricco di contenuti e più spendibile nel mondo del lavoro. Lei è già impiegata in un asilo e cercava solo un corso che potesse rilasciare un attestato per renderla competente sul lavoro. Oggi dice di sentirsi pronta all’azione, immagina di poter avviare una struttura propria, di essere in grado di scegliere nuovi collaboratori e di offrire servizi qualitativamente adeguati a bambini e ai genitori.
Anche Annamaria lavora già in un asilo, anche lei grazie a questo corso si è scoperta potenziale imprenditrice, ha ritrovato in sé tanta voglia di fare, ha capito di essere capace di agire, ha aumentato la sua autostima e la consapevolezza nelle sue capacità.

Giovanna, operatrice all’infanzia e baby sitter da lunga data, ha trovato il corso completo, utile soprattutto per i moduli di psicologia, perche dice che nel suo lavoro spesso si trova a dover fronteggiare delle situazioni stressanti ma non riesce a capire cosa possano averle generate. Le lezioni di psicologia dello sviluppo della dott.ssa Clemente e della dott.ssa Gervasi renderanno possibili la comprensione e l’adattamento.

Dea, anche lei operatrice all’infanzia e titolare di una attività per bambini, suggerisce di implementare il corso con il modulo di primo soccorso per bambini che, accanto all’attestato di HACCP, lo renderebbe ulteriormente completo e garantirebbe ai genitori maggiore sicurezza e affidabilità.

Corso per operatore all'infanzia - MODULO VIIPer quanto concerne i moduli di autoimprenditorialità, sia Dea che Beatrice ci evidenziano difficoltà circa la comprensione degli stessi. Li giudicano molto tecnici e concettuali. Ci suggeriscono di accorparli e di renderli meno tecnici. Compresa la difficoltà, abbiamo spiegato loro che i moduli sono solo una prima infarinatura della materia e che per qualsiasi necessità sono sempre a disposizione consulenti ed esperti in materia pronti a suggerire soluzioni.
La fase d’aula si conclude così con tanti spunti di riflessione e con immensa soddisfazione per il lavoro svolto e l’impegno profuso. Ringraziamo tutti per la collaborazione e per il prezioso contributo offerto.

Lasciamo le ragazze al caldo sole estivo. Le ritroveremo a settembre riposate e ricche di energie, pronte ad affrontare la fase conclusiva del corso: lo stage in strutture convenzionate.

06 Lug 2016

Dall’idea alla comunicazione: facciamo conoscere la nostra impresa [08]

Scrivere un'idea imprenditoriale
Scrivere un’idea imprenditoriale

Due luglio, il corso di Psyche at work per operatori all’infanzia è giunto al termine.

A chiudere i lavori un altro modulo tecnico, quello tenuto dal’Ing. Fulvio Iavernaro che spiega alle corsiste come mettere nero su bianco la propria idea imprenditoriale e presentarla agli uffici preposti per avere dei finanziamenti pubblici o un semplice accesso al credito.

 

Nel dettaglio, sono stati analizzate due tipologie di presentazione: una è la stesura del classico business plan, uno strumento dettagliato che parte dall’analisi dell’iniziativa e man mano allarga la visuale alle competenze dei proponenti, al mercato di riferimento con l’analisi dei servizi già presenti, passa per l’analisi della concorrenza e giunge alla fattibilità economica e alla sostenibilità del progetto generale. Questa tipologia di presentazione è richiesta dai bandi regionali NIDI e MICROCREDITO, mentre a livello nazionale ci sono i bandi di INVITALIA: MICRIMPRESA E PRESTITO D’ONORE.

Business Model CanvasL’altra è la stesura del modello CANVAS, essenzialmente simile nelle linee giuda, presenta differenti blocchi di interesse, richiede minore dettaglio e approfondimento perché usa un linguaggio visuale, ovvero consente già visivamente di rappresentare il modo in cui l’azienda crea, distribuisce e produce valore. Ha un taglio maggiormente centrato sul mercato e sui servizi da offrire. Mira a rendere esplicita la possibile sostenibilità economica dell’idea aziendale nel tempo. Questa tipologia di intervento viene richiesta per avere accesso ai finanziamenti del nuovo bandi regionale PIN.

marketing e comunicazione
marketing e comunicazione

Una volta analizzata la possibilità di fare impresa, è necessario saper comunicare la propria realtà imprenditoriale, far conoscere al mondo che esistiamo, che siamo competenti e che possiamo offrire servizi per un determinato target. Tutto questo è stato affrontato in aula da Mirco Peragine, esperto in marketing e web communication. La domande principali sono: cosa voglio comunicare? a chi? Praticamente qual è il mio target di riferimento, dove posso intercettare i miei consumatori. E si passa dunque dalla campagna pubblicitaria classica a quella on line con l’utilizzo competente di social network e siti web.

Ad esempio, quando vedete un post pubblicitario su Facebook, qual è il primo elemento della comunicazione che attira la vostra attenzione? Cosa, secondo voi, rende una comunicazione pubblicitaria efficace sia on line che off line? Credete che ci siano delle differenze tra i due modi di fare pubblicità?

Siamo curiosi di sapere la vostra idea, potreste scoprire dei trucchetti per catturare l’attenzione dei vostri amici e clienti.

Inoltre, ricordiamo che gli esperti sono a vostra disposizione per rispendere a quesiti e per offrirvi al vostra consulenza sia per la presentazione di progetti, sia per la realizzazione di campagne di comunicazione efficaci.

Vi aspettiamo on line

30 Giu 2016

Diventare imprenditori [07]

 

Corso per operatore all'infanzia - MODULO VII
Corso per operatore all’infanzia – MODULO VII

Le battute del corso operatore all’infanzia giungono al termine.

Questi ultimi moduli sono stati inseriti per permettere alle corsiste di trasformare una loro passione in lavoro perchè “se ami il tuo lavoro non lavorerai neanche un giorno”.

Molte al termine del corso diventeranno giovani imprenditrici, hanno scelto di formarsi per questo. Saranno competenti, professionali e capaci di gestire bambini, strutture e servizi.

 

Corso per operatore all'infanzia - MODULO VII
Autoimprenditorialità e start up

Questo è il quid che differenzia il corso per operatore all’infanzia organizzato da Psiche at Work dagli altri presenti sul mercato.

Permettere alle corsiste di realizzare il loro sogno nel cassetto, di avviare una struttura educativa, di essere protagoniste del loro futuro lavorativo e professionale.

Certo partire da zero non è facile, ma partire con un bagaglio di conoscenze e competenze e sapere di poter contare su consulenti esperti agevola di molto l’impresa.

Durante il modulo “come avviare una struttura socio educativa” hanno imparato a conoscere i costi diretti e indiretti, hanno capito quali sono i margini di guadagno possibili, cosa vuol dire dal punto di vista fiscale aprire una partita iva e gestire una attività, hanno studiato le normative regionali per l’avvio di asili e ludoteche. Sono venute a conoscenza di bandi e strumenti di finanziamento messi a disposizione dalla Regione Puglia per l’avvio di imprese al femminile, e per le donne non ci sono limiti d’età, bastano solo determinazione, creatività, competenza e tanta voglia di fare. Cose che oggi le nostre corsiste hanno grazie al percorso in aula e che sono pronte a sperimentare durante la fase di stage.

Corso per operatore all'infanzia: modulo VIIImarketing e comunicazione
Modulo VIII: Marketing e comunicazione

Nel prossimo modulo impareranno a farsi conoscere, a posizionarsi sul mercato, a comunicare la loro idea e a farsi apprezzare per l’innovazione proposta nelle loro strutture.
Come accennato, Psiche at Work offre servizi di consulenza anche per lo start up e l’autoimprenditorialità.

Avrete un sogno nel cassetto? Volete diventare protagonisti del vostro lavoro? Perché continuare a rinunciare alle proprie ambizioni? Gli strumenti ci sono, noi saremo accanto a voi offrendovi professionalità, competenza e qualità.

 

Vi aspettiamo!

21 Giu 2016

Giocare imparando [06]

Attività ludico-ricreative e laboratorialiLa realizzazione di attività manuali, l’uso di differenti materiali, l’assemblare,il ritagliare, in sintesi giocare imparando sono tutte attività centrali per la crescita dei bambini.

Nel modulo precedente abbiamo imparato quanto sia essenziale preparare l’ambiente di interazione del bambino secondo i paradigmi della pedagogia Montessoriana. Ricordiamo che è il periodo che va dai 3 ai 6 anni di età del bambino il momento di “formazione delle attività psichiche – sensoriali”.

I bambini  sviluppano i propri sensi concentrandosi sull’osservazione dell’ambiente circostante, ambiente che deve essere organizzato e predisposto a far sì che tale processo abbia luogo. Le attività manuali sono destinate a favorire l’educazione sensoriale, divenendo il presupposto per lo sviluppo dell’intelligenza e per l’estrinsecazione delle proprie potenzialità interiori.

Attività ludico-ricreative e laboratoriali

Nel modulo dedicato alle attività ludico ricreative e laboratoriali, la dott.ssa Rita Laneve ha insegnato allefuture operatrici all’infanzia come la creazione e la realizzazione di semplici lavoretti possa incidere positivamente sullo sviluppo psico-fisico dei bambini. Giocare con la sabbia, lavorare un pezzo di ovatta per trasformarlo in coniglietto, creare delle figure utilizzando elementi di riciclo, sono tutte attività molto semplici che arricchiscono l’esperienza del bambino, lo educano al tatto, gli insegnano a riconoscere vari elementi attraverso la loro consistenza, favoriscono lo sviluppo della sensorialità.

 

Attività ludico-ricreative e laboratoriali

Arte e creatività svolgono un ruolo fondamentale nell’ambito dell’evoluzione infantile in quanto coinvolgono tutti i sensi del bambino e ne rafforzano le competenze cognitive, socio-emozionali e multisensoriali. Per tutto il periodo della crescita, le attività ludico ricreative continueranno ad influenzare lo sviluppo del cervello, le abilità, la creatività e l’autostima, favorendo inoltre l’interazione con il mondo esterno e fornendo tutta una serie di abilità che agevolano l’espressione di sé e la comunicazione. Inoltre, il gioco diviene anche il primo mezzo di educazione alla vita. La presenza delle regole,la gestione dei turni per utilizzare i materiali a disposizione, il rispetto dell’ambiente circostante, l’attenzione allo spreco sono piccoli tasselli che vanno a creare rinforzi positivi all’educazione civica, alla condivisione dello spazio e alla gestione dei tempi di gioco e di lavoro.

Attività ludico-ricreative e laboratoriali

 
Considerata la natura estremamente pratica del modulo, abbiamo pensato di regalarvi un mini tutorial di un’attività ludica per bambini disponibili sul canale Youtube di psiche at work e in una sezione specifica del nostro blog. Inoltre, a breve saranno disponibili altri mini tutorial utili per realizzare lavoretti per le festività natalizie e pasquali.

Il modulo ha riscosso molto successo tra le nostre corsiste. Parte da loro l’idea di condividere con mamme, papà e nonne le attività laboratoriali della dott.ssa Laneve, attività che aiuteranno il nostro bambino a “crescere giocando”.

Per partecipare è necessario prenotarsi inviando una mail a questo indirizzo info@psycheatwork.com o telefonando 800.30.16.57

15 Giu 2016

Bambini all’opera nella pedagogia montessoriana [05]

 corso, operatori, infanzia, pedagogia montessoriana, crescita del bambino, attività ludico ricreative, educazione, bambino
Bambini all’opera nella pedagogia montessoriana

L’argomento del blog di oggi è uno dei temi centrali del corso per operatori all’infanzia. Vivere la crescita del bambino non solo come una fase della vita, ma trasformarla in un strumento per renderlo partecipe del mondo dovrebbe essere una delle sfide più affascinanti per ciascun genitore, educatore, insegnante ed operatore.

Il principio fondamentale della pedagogia montessoriana sta nel ruolo dedicato all’educazione, vista non come una tappa dello sviluppo, ma come una esperienza che accompagna l’individuo per tutta la vita, finalizzata a mettere fuori il potenziale che ciascun individuo dispone sin dalla nascita. Per aderire al meglio a questa missione, l’operatore all’infanzia deve conoscere in maniera approfondita i mezzi attraverso i quali trasformare la crescita del bambino in un insieme di esperienze costruttive.

Il focus fondamentale dell’approccio montessoriano sta nel considerare l’età dello sviluppo a partire dalla nascita fino ai 24 anni di vita. Le fasi sono quattro e ciascuna si differenzia per la tipicità dello sviluppo che le caratterizza. Ci saranno infatti, periodi creativi (infanzia e adolescenza) e periodi di crescita uniforme (fanciullezza e maturità).
In questa sede viene preso in considerazione il periodo creativo dell’infanzia che va da zero a tre anni.

Il viaggio nell’affascinante mondo della pedagogia montessoriana inizia con la pedagogia del fare: tutto, a partire dall’ambiente, diviene strumento per imparare, conoscere e crescere.
Si accendono i riflettori sull’importanza del movimento corporeo connesso allo sviluppo del pensiero,  dell’apprendimento, del linguaggio, sulla realizzazione di attività auto-rinforzanti, sul movimento autonomo per lo sviluppo della mente.

L’ambiente nel quale il bambino si muove è un “ambiente preparato” per permettere la spontaneità e la libera scelta delle attività da fare tra una gamma di attività possibili.

È bello, curato ed accogliente, per stimolare il desiderio di  esplorarlo, conoscerlo, appartenervi e prendersene cura; è ordinato e stimolante, per permettere alla curiosità di trasformarsi in concentrazione e memoria; è polifunzionale; è interconnesso ed interdipendente verso l’esterno.

I materiali di sviluppo sono progettati, implementati, strutturati per rispondere ad una precisa finalità; sono auto-educativi, ed auto-correttivi, così la percezione dell’errore, consente al bambino stesso di controllare l’errore e stimola la verifica, l’autovalutazione, l’autonomia. Tutto viene studiato nei minimi dettagli per permettere al               “creatore inconscio” di portare fuori il suo potenziale per creare se stesso come essere umano completo.

Tutto deve permettere alla “mente assorbente” del bambino di far emergere le energie creative.

In un ambiente volto all’auto educazione dunque, quale diventa il ruolo dell’operatore all’infanzia?

corso, operatori, infanzia, pedagogia montessoriana, svluppo psichico del bambino, apprendimento, sviluppo del bambino, educazione classica,
All’operatore è affidato il compito di accompagnare il bambino nelle varie fasi della vita lasciando a lui la piena libertà di azione e movimento.

L’operatore diviene un vero e proprio maestro di vita e di cultura. È suo compito preparare l’ambiente nel quale il bambino dovrà trovare stimoli per crescere, scoprire, conoscere apprendere.

È colui che attraverso le attività dovrà organizzare e osservare lo sviluppo psichico del bambino.

All’operatore è affidato il compito di accompagnare il bambino nelle varie fasi della vita lasciando a lui la piena libertà di azione e movimento.

In base a quanto descritto, ci piacerebbe capire come, secondo voi, le differenti tipologie di educazione (classica e montessoriana) possano oggi coesistere in un ambiente scolastico abbastanza strutturato come quello italiano.

Quanto l’approccio montessoriano possa aggiungere valore all’esperienza educativa dei vostri figli? Cosa vorreste importare del metodo montessoriano all’interno della scuola tradizionale?

L’avvento della tecnologia può realmente essere considerata un valore aggiunto per l’apprendimento e per lo sviluppo del bambino già a partire dai primi mesi di vita, o sarebbe opportuno, almeno nell’età dell’infanzia, ricorrere a strumenti educativi classici?

In attesa delle vostri racconti, vi inviamo a seguire il blog per rimanere aggiornati sulle lezioni del corso.

Prossimamente parleremo di attività ludico ricreative per bambini.

07 Giu 2016

Alimentazione e cure per l’infanzia [04]

13217462_584991278325414_7057217567194378346_o

Come da programma sabato scorso si è concluso anche il modulo sulla sicurezza alimentare per bambini e sulle malattie pediatriche. In aula due autorevoli docenti, la Dott.ssa Marika de Tullio che ha parlato di alimenti per l’infanzia, igiene e sicurezza alimentare e il Dott. Saverio Cramarossa che ha illustrato le principali patologie dell’infanzia, la prevenzione dei rischi e i cenni di primo soccorso.

Due argomenti molto interessanti, che abbracciano in maniera trasversale due mondi affini tra loro: quello dell’assistenza all’infanzia e quello delle mamme.

Introduciamo gli argomenti partendo da una domanda generale: cosa sono gli alimenti per l’infanzia?

E ancora: quali sono gli alimenti per la prima infanzia e quali quelli per l’infanzia?

 

Distinguiamo le due categorie: la prima infanzia va da 0 a 12 mesi di vita del bambino.

Gli alimenti per l’infanzia, invece, si riferiscono ai bambini di età compresa tra il primo anno di vita fino ai tre anni compiuti. Scendendo nel dettaglio, vengono conosciuti come alimenti per la prima infanzia (da zero a sei mesi) e alimenti di proseguimento (da sei mesi a tre anni).

La distinzione è necessaria proprio per la particolarità degli elementi riscontrati in queste differenti classi di alimenti. L’Italia  presta molta attenzione alla certificazione degli alimenti e dei contenuti degli stessi, sia in termini di agenti allergici sia come elementi contaminanti. Durante il corso è stato insegnato alle corsiste a leggere bene l’etichetta in modo tale da riconoscere la vera natura dell’alimento che si intende somministrare, andando oltre il messaggio pubblicitario che spesso presenta lo stesso alimento come altamente funzionale e ricco di elementi naturali e salutari.13329428_593988494092359_7448507769906506230_o

Si pensi al comune formaggino.  Spesso i bambini ne sono attratti, complici anche i jingle delle pubblicità che li incuriosiscono. Si pensi però alla presenza dei sali di fusione  che hanno appunto lo scopo di rendere la massa casearia in alimento solido. La sola presenza di questi agenti rende l’alimento non propriamente adatto ai bambini di età compresa tra i sei e i dodici mesi.

E di esempi del genere ce ne sono parecchi, in qualsiasi categoria alimentare: dalla pasta ai biscotti, dallo yogurt alla frutta in vasetto. Per questo è opportuno saper leggere l’etichetta, conoscere le sigle con cui vengono citati determinati componenti aggiuntivi, si tratti  solo conservanti e coloranti.

Ulteriore approfondimento è stato dedicato al latte e alle tecniche di svezzamento. Partendo dalle indicazioni sulla somministrazione delle poppate e sui metodi di svezzamento forniti dall’OMS, si sono analizzati due differenti approcci: lo svezzamento classico e l’auto svezzamento.

Ad esempio, voi mamme, che tipologia di svezzamento avere preferito per il vostro bambino?

Quella classica dal quarto- sesto mese in poi con classiche pappe proposte ad orari prestabiliti, o avete preferito l’auto svezzamento aspettando che fosse il bambino a chiedere di poter assaggiare un determinato alimento una volta seduto a tavola con voi?

13392298_594249107399631_5972279201749362322_oIl dottor Cramarossa, ha illustrato i  vari approcci definendo comunque quali sono le regole generali per lo svezzamento. Ha sottolineato come “in ogni caso è il  periodo che intercorre tra il 4° e il 6° mese il  periodo in cui il sistema immunitario intestinale tende a riconoscere come “amici” gli alimenti riducendo (ma non azzerando!) il rischio di sviluppare intolleranze alimentari.”

Alle corsiste sono state fornite anche indicazioni sulla frequenza settimanale con cui proporre degli alimenti sia in fase di svezzamento che in fase di mantenimento e su come cucinare gli stessi a seconda dell’età dei bambini.

Ad esempio, durante il primo anno di vita per i bambini è consigliata una alimentazione iposodica. Molte mamme continuano ad evitare l’aggiunta del sale nella cottura della pasta fino al secondo anno di vita.

Voi mamme e operatrici ritenette corretta questa scelta?

Il modulo si è concluso con un approfondimento sulle malattie esantematiche e sulle principali patologie pediatriche. È opinione comune che durante il primo anno d’asilo i bambini, venendo a contatto tra loro, siano più esposti al contagio facendo spesso verificare delle vere e proprie epidemie scolastiche.

Il dottor Cramarossa ha edotto le coriste sulla sintomatologia di ciascuna patologia, sulla specificità di ognuna, sulle terapie e sugli eventuali farmaci da somministrare, sempre previo consulto pediatrico.

Salvaguardare la salute dei bambini è il nostro principale obiettivo. Durante questo corso abbiamo coinvolto esperti che hanno messo a disposizione le loro competenze per formare personale qualificato e competente in materia.13350495_594247467399795_734334650233913328_o

Le vostre opinioni e le storie di vita ci aiutano a completare il lavoro intrapreso fin qui e ci offrono spunti per ulteriori approfondimenti.

Per questo l’opinione di ciascun lettore diventa essenziale in questa fase del percorso.

Anche le stesse corsiste e i docenti avranno modo di interagire e di approfondire specifiche tematiche affrontate in aula.

 

Miriamo ad essere migliori e i vostri contributi, dubbi, domande e storie di vita, di fatto, ci aiuteranno ad esserlo.

Staff@Psyche at Work

31 Mag 2016

Dove mangia mio figlio [03]

Corso per operatore all'infanzia - Il sistema HACCP, MANIPOLAZIONE DI CIBI E BEVANDE
III MODULO: Il sistema Haccp, manipolazione di cibi e bevande

Si sa, il tema della sicurezza alimentare è sempre molto caldo, diventa incandescente quando i protagonisti del dibattito diventano le mense e in particolar modo le mense per bambini.

Ogni mamma si interroga in maniera costante su come e cosa il suo figlio ingerisce durante l’orario scolastico, sulla pulizia degli ambienti, sulla qualità degli alimenti e sulle reali condizioni di igiene dei luoghi e delle persone che prestano servizio nelle mense.
Per offrire delle garanzie reali a ciascuna mamma e a tutti gli utenti delle strutture socio educative, il corso di operatore all’infanzia giunto al terzo modulo, ha dedicato due giornate alle norme che garantiscono la sicurezza alimentare e l’igiene nei luoghi di lavorazione e somministrazione degli alimenti. Il tutto finalizzato al conseguimento dell’attestato di Haccp che di fatto rende responsabili, ma anche operatori certificati, le corsiste che si apprestano ad avviare strutture per l’infanzia o che intendono ampliarne le attività ed i servizi offerti in realtà già esistenti.

Corso per operatore all'infanzia
Corso per operatore all’infanzia – Il sistema HACCP, MANIPOLAZIONE DI CIBI E BEVANDE

Diventare operatori certificati rende ciascun corsista responsabile del cibo sia dal momento della consegna fino alla somministrazione.

Una presa di responsabilità che impone all’operatore di lavorare secondo le procedure stabilite dalla norma, che lo vede responsabile della  propria persona e di tutto lo staff che sarà chiamato ad affiancarlo dalla preparazione alla somministrazione degli alimenti.

Riprendendo i principi sui quali si basa l’elaborazione del piano Haccp, riusciamo a capirne la particolare importanza e la necessità che, un corso qualificante come quello in corso, abbia un modulo così importante al suo interno anche questo finalizzato a rendere servizi qualitativamente adeguati alle esigenze dell’utenza.

Conoscere i rischi dei potenziali alimenti, individuare i punti in cui possano verificarsi dei rischi per gli alimenti, mettere in campo procedure di controllo e sorveglianza dei punti critici e dell’igiene, evitare contaminazioni crociate, eliminare o ridurre al minimo i rischi da contaminazione batterica sono solo alcuni dei principi sopra citati. Considerato poi il numero crescente di intolleranze e allergie alimentari, tener fede alle procedure per evitare la contaminazione è opportuno ed estremamente necessario.

Anche in questo caso, quello che viene richiesto è un approccio altamente professionale. Saper leggere una bolla di consegna, utilizzare solo prodotti tracciati e di cui è possibile rintracciare la provenienza, controllare la filiera sono i passaggi di base che garantiscono la qualità degli alimenti lavorati e riducono il rischio di lavorare e somministrare alimenti con alti indici di rischio di tossinfezioni.

Questo è quello che noi riteniamo essenziale per la salute dei bambini.

Ci piacerebbe capire, voi mamme, con quali criteri scegliete le strutture a cui affidare i vostri figli?

Quali sono le garanzie che ricercate in una struttura per l’infanzia?

Che tipo di struttura preferite per i vostri bambini? Strutture con mense interne o strutture che offrono il servizio mensa convenzionato con centri cottura?

Cosa potrebbe rendervi più tranquille in tema di sicurezza alimentare e di igiene?

All’interno del corso è stato programmato anche un modulo destinato all’alimentazione nell’infanzia, vi invitiamo a seguirci per capire cosa gli esperti consigliano per l’alimentazione dei bambini nei primi anni di vita.

24 Mag 2016

Te lo leggo negli occhi [02]

Anche il secondo modulo del corso operatore all’infanzia si è concluso.

Corso Operatore all'Infanzia Psyche at Work
Corso Operatore all’Infanzia Psyche at Work Modulo II Le dinamiche familiari

La dott.ssa Ida Gervasi, questi giorni ha spostato il focus dallo sviluppo del bambino al sistema nel quale il bambino viene inserito sin dalla sua nascita : la famiglia e le sue dinamiche.

Ha parlato di legami di attaccamento, della relazione di coppia, degli stili comunicativi e di quanto queste variabili possano incidere in maniera significativa sullo sviluppo del bambino, partendo sempre dalla domanda: cosa posso fare io, futuro operatore all’infanzia, per comprendere e gestire al meglio le dinamiche del sistema famiglia che si ripercuotono sul bambino?

 

Corso Operatore all'Infanzia Psyche at Work
Corso Operatore all’Infanzia Psyche at Work Modulo II Le dinamiche familiari

Anche in questa circostanza è l’interazione a caratterizzare tutto il modulo. Si parte dalla disposizione a cerchio, che restituisce alle corsiste la possibilità di guardasi negli occhi e di comprendere e decifrare tratti della comunicazione non verbale. Si ascoltano canzoni, vengono visionati filmati; tutto diventa un mezzo per apprendere come noi stessi siamo stati socializzati al mondo.

Ad esempio Annarita, al temine della lezione di sabato, confessa che grazie alle conoscenze apprese durante il modulo, riesce a comprendere determinati episodi della sua vita, lo sviluppo di alcune dinamiche relazionali e l’importanza che assume la sua mamma vista come base solida e come unico punto di riferimento.

È il modulo delle emozioni, capirle, riconoscerle, imparare a gestirle porta una maggiore consapevolezza di sé, ci traghetta nell’ affascinante mondo delle relazioni dove è la comunicazione verbale e non verbale l’unica assoluta protagonista.

Se il film Disney “Inside out” offre spunti di riflessione per capire il sistema complesso delle emozioni, è la canzone “ Te lo leggo negli Occhi”, nella versione di Franco Battiato,   che ci fa capire come la classica metafora dell’iceberg comunicativo assume significato nelle relazioni.

Corso Operatore all'Infanzia Psyche at Work
Corso Operatore all’Infanzia Psyche at Work Modulo II Le dinamiche familiari

L’importanza della comunicazione non verbale e nel dettaglio, l’interazione visiva tra madre- bambino, viene sottolineata già da Stern che ci offre valide parole per spiegare come “lo sguardo reciproco tra madre e bambino è considerato come l’elemento chiave nello sviluppo di un mondo interno nel quale l’attaccamento può essere descritto e regolato”.

Se quindi, il non verbale assume una tale importanza già nei primi giorni di vita del bambino in che percentuale, secondo la vostra opinione, in una diade comunicativa, il linguaggio non verbale diventa un mezzo per decodificare le intenzioni comunicative dei protagonisti?

Volgiamo a voi questo quesito, aspettiamo risposte e siamo pronte ad approfondire ciascuna tematica.
La partecipazione on line delle corsiste, quali protagoniste dei moduli, permetterà di condividere l’esperienza dell’aula con voi lettori e creare aree di apprendimento condiviso.

Psyche at Work_Staff

18 Mag 2016

Corso per operatore all’infanzia: il racconto della prima giornata! [01]

Corso operatore all'infanzia
Modulo I°: lo sviluppo del bambino

Venerdì 13 al via il corso per Operatore all’Infanzia
nelle strutture socio educative e domiciliare organizzato da Psyche at Work!

In via Calefati 177 a Bari l’atmosfera è differente, tra aspettative, interrogativi e curiosità  delle partecipanti al corso.

In aula donne, mamme, giovani donne, impiegate nel settore infanzia e appassionate,  motivate dalla volontà di apprendere nuove competenze per migliorare la loro professionalità o per intraprendere nuovi percorsi lavorativi.
Le dott.sse Nunzia Santacroce e  Roberta Clemente, sono pronte ad accogliere ciascuna corsista, ciascuna donna con il suo bagaglio culturale ed esperienziale, ciascuna donna  che per motivi assai differenti oggi ha varcato la porta della loro sede per intraprendere un percorso formativo e imprenditoriale. Un percorso che al termine la renderà più consapevole del suo essere donna oggi e imprenditrice più competente domani.

Le corsiste lo sanno bene, l’obiettivo del corso non è quello di assistere in plenaria a sedute teoriche ricche di contenuti facilmente rintracciabili in diffusi manuali di psicologia. Frequentare questo corso serve a mettersi in gioco, apre a nuove possibilità di sviluppo personale e lavorativo. È stato pensato sia per formare coloro che operano già in contesti legati al mondo dell’infanzia senza titoli specifici, ma  soprattutto per offrire strumenti pratici per chi desidera avviare nuove strutture e necessita di titoli, competenze specifiche e competenze trasversali. Il corso accompagnerà  ciascuna corsista ad essere imprenditrice di se stessa, partendo dalla teorie di base dello sviluppo del bambino fino ad affrontare temi estremamente pratici quali la gestione economica di una struttura, il laboratorio creativo, le patologie dei bambini, fino al giusto mix di marketing e comunicazione da attuare affinché si possa raggiungere il maggior numero di fruitori.

Come da programma, è la dott.ssa Clemente psicologa psicoterapeuta che apre il corso con dedicato allo sviluppo del bambino.

L’eterogeneità  della classe permette di partire da esperienze vissute in ‘prima persona dalle partecipanti sia in qualità di mamme che in qualità di lavoratrici.

Interessanti sono i dibattiti che nascono da banali domande e che vedono risposte discordanti tra loro, ricche però si esperienza appresa sul campo e che spesso portano alle stesse conclusioni riscontrabili in manuali di letteratura psicologica.

La dott.ssa Clemente affronta ciascun argomento del suo modulo, dalle teorie dell’attaccamento, alle zone di sviluppo prossimale, dallo sviluppo motorio a quello verbale, mettendo in luce come un operatore all’infanzia dovrebbe fronteggiare ogni fase dello sviluppo del bambino rispettando quanto più possibile l’ecologicità del sistema famiglia, l’equilibrio della relazione madre bambino e il benessere del bambino stesso.

Aneddoto simpatico è sicuramente la discussione nata dalla domanda: c’è un’età giusta per inserire il bambino all’asilo?

Ciascuna delle partecipanti ha espresso la propria idea. La presenza in classe di corsiste che senza qualifica professionale operano già di fatto nel settore, restituisce alle future operatrici episodi reali che fungono da spunti di riflessione per fornire risposte ad una domanda apparentemente banale ma, allo stesso tempo ricca di molteplici sfumature da tenere in considerazione.

E allora al temine del dibattito la domanda iniziale si trasforma e diventa: come può una operatrice per l’infanzia rendere piacevole per il bambino e per la sua mamma l’inserimento in strutture per l’infanzia?

C’è realmente una età favorevole per inserire il bambino in strutture per l’infanzia?

Ci piacerebbe ascoltare le vostre opinioni, lasciando a voi , cari lettori, la possibilità di rispondere e di continuare il dibattito in questa aula virtuale.

Noi saremo a vostra disposizione per chiarimenti e scambi di idee.

Vi aspettiamo numerosi!

Psyche at Work_Staff